martedì 12 marzo 2013

Un po' di inverno ancora

 
"Fa freddo, ma è una bella mattina," disse Zedka. "E' curioso, ma la depressione non mi assaliva mai in giornate come queste: nuvolose, grigie, fredde. Quando il tempo era così, sentivo che la natura era in armonia con me, mostrava la mia stessa anima. Invece, con il sole, i bambini uscivano a giocare nelle strade; tutti erano contenti per la bella giornata, ma io mi sentivo a terra: come se fosse ingiusto che si manifestasse tutta quell'esuberanza e io non potessi esserne partecipe."

da Veronika decide di morire, di Paulo Coelho

5 commenti:

  1. La tazza!!! XD sembro io mentre prendo la camomilla!!! XD Ho un bicchiere come quello ahahaha XD Ma ok a parte questo... Come puoi notare, nonostante io sia attivo in qualche modo questo cambio di stagione ha preso anche me, forse per via del troppo cambio ti clima, cioè mi spiego, inizialmente dovevano cambiare soltanto le temperature ma poi... sole, pioggia, sole poi ancora pioggia, nuvole... il sistema nervoso se sei debole parte >_< io penso sia per quello che mi è capitato quello che mi è capitato con l'aggiunta di un pizzico di stress... non credo sia altro per il momento... lo spero per entrambi insomma XD

    RispondiElimina
  2. mmm... eddaiiii!! un po' di sole adesso ci vorrebbe, sembra di vivere nel corvo!

    RispondiElimina
  3. Cara, mi fa piacere tu abbia pubblicato un brano del genere perchè QUANTO mi ci ritrovo. Non sempre, è vero: se hai l'occasione e la persona giusta, puoi apprezzare in tutto il suo splendore la giornata di sole...
    Ma quando il tempo fuori sembra annebbiarsi e piangere con te, come se anche il mondo tutto si facesse le tue stesse domande, è... particolare.

    Hai letto tutto questo libro di Coelho? Me lo consigli? perchè io ho letto l'Alchimista e devo ammettere che come stile non mi piaceva tanto... se è una cosa diversa questo magari... fammi sapere! (Magari sul mio blog, così vedo subito quando mi rispondi!)

    Un bacio, Clà

    RispondiElimina
  4. ci sentiamo sempre in controtendenza con la natura e i suoi umori paesaggistici..
    freddo fuori per dissimulare il nostro vero freddo interiore
    caldo fuori per dissimulare l'assenza di un'emozione a esso associata..
    e il nostro astio si manifesta nella ritrosia della felicità altrui..

    se vuoi passa da me

    RispondiElimina