martedì 25 giugno 2013

Approdo su Bloglovin


A dire il vero già da due o tre mesi il mio profilo giaceva inutilizzato ma dopo un'ulteriore imminente chiusura, quella di Google Reader, fissata per il 1° luglio prossimo ho deciso di dargli una possibilità. Addio feeds dunque e benvenuto Bloglovin:

Follow on Bloglovin

L'adesivo che invita l'utente ad iscriversi non fa parte del corredo standard del sito ma l'ho prelevato qui.

EDIT:
Google Reader era (a conti fatti non è più ammissibile parlare al presente), il servizio a cui ci si iscriveva per ricevere di volta in volta gli aggiornamenti dei nostri blog preferiti. Essendo basato su questo il gadget 'Lettori fissi' è probabile che venga disabilitato anche lui, per cui meglio premunirsi e trovarsi tutti su Bloglovin.
A rileggerci

sabato 22 giugno 2013

La beffa - Bianca come il latte, rossa come il sangue

Questa volta, pur avendo letto la storia, non farò una recensione. Mi limito ad esporre un romanzo figlio dall'ottima salute di una vicenda vera per cui l'autore non ha neanche accennato un grazie. Ormai non mi colpisce più nulla riguardo il genere umano avido e senza scrupoli, ma ammetto che una parte del mio animo ci sia rimasta male comunque.

Titolo: Bianca come il latte, rossa come il sangue
Autore: Alessandro D'Avenia
Editore: Mondadori
Anno di pubblicazione: 2010
Genere: Romanzo
Pagine: 254
Prezzo: € 13,00
Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.
«Quel libro tradisce mia figlia»
Parla la mamma della ragazza, uccisa da un tumore, che ha ispirato D'Avenia.
Per gli altri è un caso editoriale. Per lei il dolore di una storia personale «tradita». Sua figlia, Irene, è morta a 15 anni di tumore. Alessandro D'Avenia, ispirandosi alla sua vicenda, ha scritto Bianca come il latte, rossa come il sangue (Mondadori). «Senza consultare né me, né i compagni di classe di Irene che si erano confidati con lui nei giorni in cui temporaneamente era il loro insegnante al liceo Dante di Roma», spiega Francesca Bartolucci, la madre. Lei non vuole entrare in polemica con l'autore («Mi ha scritto "abbi pietà di me" e, nonostante lo avessi cercato più volte, non mi ha incontrata»). Ma vuole difendere «la memoria di Irene e la sua storia: anche le vite brevi possono avere un grande senso». Eccola. «Irene è arrivata che ero ancora al liceo. L'ho voluta tenere contro tutti. Contro suo padre. Contro il mio. Ed è stato bellissimo. Siamo cresciute insieme. Ho fatto la maturità con lei. All'università portavo i libri nella carrozzina. Ho dato l'esame della patente con lei. E insieme siamo venute via da Ferrara e arrivate a Roma, dove ho iniziato a lavorare con l'uomo che sarebbe diventato mio marito». Francesca sorride e allunga gli occhi. È uno sguardo innamorato. Non disperato. Spiazza. Lei intuisce e spiega perché: «Irene era strafelice della vita. Una ragazzina solare. Senza preclusioni per nessuno. Senza sospetti. Piena d'amore. Guardandola pensavo: ci sono bimbe con storie lineari piene di ansie. Lei non aveva paura di niente. Tantissime amiche. Felicissima di avere avuto un altro fratello. La sorellina era stata la gioia più grande. Poi il piccolino». «Era anche molto carina. Con quei capelli rossi, lunghi. Il sorriso che l'accendeva. Avevo mantenuto il rapporto madre-figlia. Ma eravamo anche amiche. Ascoltavamo la stessa musica. E alle compagne con un problema diceva: dillo a mia madre, lei ti capisce». L'ha capita, Francesca. Quella figlia «che apriva a tutti le porte, anche quella del dolore». «All'inizio lei pensava fosse un'influenza. Ma il mal di testa non passava. Con la risonanza magnetica la diagnosi: un tumore al cervello e quattro mesi di vita. Me l'hanno detto lì. Di colpo. È come avere una palla di cristallo che ti si rompe tra le mani. Senti che la tua vita, non è più tua. Irene era fuori. Per proteggerla le ho detto: "Non è nulla"». Ma Irene no. Non l'ha tenuto per sé. Da subito, l'ha vissuto alla sua maniera. Francesca si illumina d'orgoglio: «Una forza d'animo eccezionale. Dopo la prima operazione, 10 giorni dopo la diagnosi, ha capito. Era in parte paralizzata. Ma ha creato un circuito con tutti gli amici. Non l'hanno lasciata mai sola. In rianimazione le facevano le guardie. Nell'hospice di Antea, gli ultimi giorni, le andavano a suonare "Piccola stella senza cielo" di Ligabue. Ancora fanno da baby-sitter ai suoi fratellini. Irene parlava con loro. Piangeva anche. (Con me non l'ha mai fatto). Condividevano tutto. E dopo l'intervento ha ripreso a camminare. A scrivere. È tornata a scuola e il preside le ha fatto ridipingere l'aula tutta colorata. Lei nello studio non era un granché, ma amava l'arte, i quadri, il teatro. Per questo poi la scuola, insieme al Festival di Ravello, le ha intitolato un premio teatrale. Era curiosa. Creativa. Piena di vita». Torna a sorridere, Francesca. Non pronuncia mai la parola morte. Né la parola fine. Ma vita sì. «Me lo ha insegnato lei. Irene sapeva dare senso alla vita. È come se hai una telecamera fissa su un albero. Poi allarghi il campo e scopri tutta la vita del bosco che c'è attorno. Lei era così. Dava importanza a tutto. E facevamo di tutto». Di tutto? «Ma sì. Anche cose pazze. Persino affittare una macchina blu con l'autista per portarla in via Condotti per negozi, quando aveva detto: "Li rivedrò mai?". O portarla a mangiare pasta alle vongole in riva al mare. O mandare a quel paese a squarciagola l'autobus che la portava a scuola». Ma era un senso profondo quello che Irene aveva dato agli ultimi, pazzi, giorni. È questo il punto più delicato per Francesca. Quello più «mistificato» dal romanzo: «Non era un quadretto alla Tre metri sopra il cielo. Le domande importanti questi ragazzi le facevano. Irene, alle amiche, chiedeva: "Perché è capitato a me?". E da me venivano per chiedere: "Ma Dio esiste davvero?". Insieme abbiamo trovato le risposte. Abbiamo anche tanto pregato insieme. Ma la visione semplicistica del libro è distorta. Per tutti è stato un percorso di crescita. Non un insieme di paradigmi morali e frasi fatte». E mentre si affanna per spiegarlo, per la prima volta, gli occhi di Francesca si riempiono di lacrime.

Questo è ciò che ci ha confidato un'amica in un gruppo privato con la promessa di spargere la voce. [...] Lei si chiama Alessandra Rivalta e la sua migliore amica (la ragazza che D'Avenia ha fatto diventare Beatrice) si chiamava, anzi si chiama, perché non voglio parlare al passato, Irene Ravera. Il liceo in cui D'Avenia ha fatto supplenza è il Dante Alighieri di Roma.
Nel 2004 una ragazza si ammalò di tumore al cervello. Questa ragazza si chiamava Nene, era la mia migliore amica. La persona che amavo di più al mondo. È morta in 6 mesi, consumata dal suo male. Per sei mesi ho messo in pausa la mia vita per farle da infermiera, stare con lei in tutti i momenti. Io e i suoi amici più cari formammo un gruppo di sostegno e, dietro richiesta dei genitori, tenemmo il segreto sulla malattia: aveva sei metastasi al cervello, prognosi di 4 massimo 6 mesi di vita. Andavamo da lei tutti i giorni, le cantavamo con la chitarra, e leggevamo i nostri libri preferiti, facevamo programmi per il futuro che sapevamo non si sarebbero mai avverati. In pratica, cercammo di darle i sei mesi più belli che potesse avere. Quando è morta, ovviamente abbiamo dovuto avere anche noi sostegno, eravamo distrutti, chi più chi meno. Io ero finita. Io sono Silvia. Nene è Beatrice. Infatti, pochi mesi dopo la sua morte, nella sua classe di liceo andò a fare supplenza come professore di filosofia D'Avenia. Spacciandosi per amico dei ragazzi, confessore, cercando di "aiutarli a dare un senso alla loro sofferenza" ascoltò i racconti di tutti noi. Si fece raccontare tutto, nei dettagli. Alcuni anni dopo uscì il libro, e ti assicuro che ci siamo sentiti tutti traditi! Non ha chiesto permesso a nessuno, non ha messo ringraziamenti o note, non ha detto che la sua storia era tratta da una storia vera. La storia che è parte della mia vita. Che mi ha distrutto e ricostruito e reso quello che sono, ha preso la sofferenza di un gruppo di ragazzi di 15 anni e ne ha fatto soldi. Non solo, ma lo ha fatto rendendo il libro banale e stereotipico, senza dare alla vicenda la profondità e il dolore immenso che abbiamo provato. Confrontato, quest'uomo ha detto che non è vero che ha preso spunto da noi, ma noi sappiamo la verità. Odio quest'uomo quanto si può odiare qualcuno, e se NESSUNO leggesse più il suo libro sarei solamente contenta.

Fonti:
http://archiviostorico.corriere.it/2010/febbraio/10/Quel_libro_tradisce_mia_figlia_co_9_100210033.shtml
http://salacomunecorvonero.blogspot.it/2013/04/quel-libro-tradisce-mia-figlia.html

giovedì 13 giugno 2013

Recensione: Wintergirls di Laurie Halse Anderson

Titolo: Wintergirls
Autore: Laurie Halse Anderson
Editore: Giunti
Anno di pubblicazione: 2009
Genere: Romanzo
Pagine: 352
Prezzo: € 9,90
Lia e Cassie sono amiche dall'infanzia, ragazze congelate nei loro fragili corpi, in competizione in un'assurda gara mortale per stabilire chi tra loro sarà la più magra. Lia conta maniacalmente le calorie di tutto quello che mangia e di notte quando i suoi non la vedono si sfinisce di ginnastica per bruciare i grassi. Le poche volte che mangia, cerca di ingerire cose che la feriscono, come cibi ultrapiccanti, in modo da ''punirsi'' per aver mangiato. Si ingozza d'acqua per ingannare la bilancia nei giorni in cui la pesano. Quando eccede nel cibo ricorre ai lassativi e passa il tempo a leggere i blog di ragazze con disturbi alimentari che si sostengono a vicenda.
Recensione: Uno dei tanti, troppi regali di Natale che sembrava aver vissuto solo il tempo dello scarto: l'ebook. Finalmente con Wintergirls ho avuto modo di apprezzarlo, pur privatami del piacere di sfogliare la carta ma opzione necessaria per via della scomodità di questo libro. Perchè Wintergirls parla. Lo fa tramite Lia, che ci conduce per mano nel vortice di ossessione fatto di numeri e calorie centellinate, dove il pensiero positivo viene accuratamente cancellato in risposta agli ordini della malattia.
Cassie l'ha chiamata invano trentatrè volte, prima di morire nella stanza di un motel. Lia esce così vincitrice di una scommessa fatta da bambine, generata da Cassie e portata avanti da entrambe, amiche inseparabili fino al tragico epilogo della prima. Lei ora è la ragazza più magra della scuola, in combutta con le persone cui vuol bene e il desiderio sempre vigile di esser bella, divenire invisibile.


Narrato in prima persona, come una sorta di diario, per immergere ancora più il lettore nella follia e nelle paure della protagonista. Di anoressia si muore, non lo si diventa dal giorno alla notte per somigliare alle modelle delle riviste e soprattutto è un corridoio senza via d'uscita. Il cervello malnutrito mostra alle ragazze (e al giorno d'oggi anche tanti ragazzi) un corpo sempre grasso, sempre sbagliato e inadatto alla società, anche quando le costole possono essere contate una per una e la spina dorsale risalta eccessivamente.
Le visite dello spettro di Cassie, che la tormenta sull'approssimarsi della sua ora non facendole mancare il messaggio di arrivare presto, sono probabilmente tra gli episodi che più vogliono scavare nel nostro animo, e ci riescono. La madre di Lia è un'affermata cardiologa, una scelta forse un po' sopra le righe ma che si rivela preziosa per quanto riguarda le informazioni mediche contenute in Wintergirls. Nota dolente la conclusione della storia. A differenza del resto del libro, scritto in maniera raffinata e con molte figure evocative, sembra che il lieto fine sia stato buttato lì da un'autrice impaziente di terminarlo. In poche parole: Lia ha visto la morte in faccia e d'ora in poi la sua filosofia sarà il cibo è vita. Un po' didascalico e non molto corrispondente a verità, le fortunate che ne escono impiegano diverso tempo per accettare di introdurre quantità normali di cibo nel loro corpo e almeno inizialmente non ne parlano con fare entusiastico. Unica pecca di un libro non per tutti ma che merita la lettura se non altro per ampliare le vedute su un argomento ancora chiuso dentro i mass media, per comprendere e liberarsi dei luoghi comuni. Direi perfetto se siete a dieta perchè ha il potere di chiudere lo stomaco e non far toccare cibo e interrogarsi su quale contenga meno calorie. Coinvolgente, prestarvi attenzione.


La bilancia fa capolino dal pavimento, quella buona, quella che non mente. Mi spoglio, salgo sopra, per pesare le mie colpe e misurare i miei peccati.40 chili.
Potrei dire di essere contenta, ma sarebbe una bugia. Il numero non importa. Se arrivassi a 30, vorrei pesare 29. Se pesassi 5, vorrei pesarne 3. L'unico numero che mi basterebbe è 0. Zero chili, zero vita, taglia zero, zero peso, zero e basta. Zero a tennis è love, amore. Finalmente ho capito perchè.

mercoledì 5 giugno 2013

A te che stai leggendo


A te che stai leggendo questa pagina:
regalo una rosa…
perchè tu possa sentirne il profumo dolce ed estivo,
per ammirarne il colore unico e perfetto,
per capire che le spine ci sono
ma basta saperle maneggiare per farle essere innocue,
per scoprirne il cuore prezioso,
perchè i petali possano accarezzarti e spingere via la tristezza ed il gelo,
qualunque cosa ti stia capitando…
per farti compagnia, come fece il Piccolo Principe,
Ti regalo una rosa perchè
io stesso avrei bisogno di qualcuno che mi lasci scoprire tutto questo.
Perchè a volte mi capita di essere giù,
e pensare che ho ancora la possibilità di ricevere la mia rosa mi dà forza,
mi fa andare avanti,
mi permette di non arrendermi
perchè io "non voglio" arrendermi mai;
La rosa, cos'è per me?
Un piccolo pensiero, nulla più,
ma a volte penso che è di questo che abbiamo bisogno...
di un pensiero d'amore.....
(Jean Debruynne)