martedì 31 dicembre 2013

Rosa dell'anno

Sempre convinta di aver in mano tutto il tempo del mondo, mi ritrovo invece l'ultimo dell'anno con mille idee per la testa e il tic tac dell'orologio che non fa sconti ad alcuno.
Lascio dunque i miei auguri sotto forma di poesia, chi mi conosce un po' sa che non sono esattamente un'amante di questa festa e allora potrei apparire melanconica. Non farò il brindisi questo sì, per sopravvivere, ma spero che voi tutti possiate farlo con accanto coloro che più amate, e che sia un'altra buona occasione per festeggiare con il cuore più che per dovere.
Buon 2014 in arrivo a tutti quanti!


Arrivai una volta, 
che un anno finiva,
in un paese di mare,
era sera era freddo
io nessuno conoscevo,
saliva alla stanza
gelida e vasta
suono di danza
e, di più lontano,
l'ansito del mare.
Così m'addormii, né più ricordo
se in sogno piansi.
Una rosa ricordo
che il domani mi comprai,
nella stanza portai
per me sola il giorno
che l'anno incominciava,
bella e bianca fiorita
per me nel mattino del gelo,
e il mare che si lamentava.

Ancora in una sera
che l'anno finisce,
vasta è la stanza
ma c'è fuoco ed è mia,
lungi è il mare,
lungi chi vorrei con me, e tace,
sono sola come quella
che nella sera lontana
sì freddo aveva,
udiva il lamento del mare,
ancor non conosceva
l'amore d'oggi che tace.
Sono sola né piango,
se non forse in cuore,
c'è fuoco nella stanza,
fuori grida salve la città
grida speranza
nella notte dell'anno,
e domani, se non io,
qualcuno una rosa si comprerà.
(Sibilla Aleramo)

4 commenti:

  1. Ricambio gli auguri di vero cuore, ti auguro un anno ricco d'amore e serenità per illuminare il tuo cammino!
    Bella la poesia dell'Aleramo, intensa e ricca di significato.
    Un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
  2. Tantissimi cari Auguri di Buon Anno! :)

    RispondiElimina