lunedì 13 gennaio 2014

Storie di anoressia/bulimia (Richiesta)

Mangia pulito

Torna la salute e con essa il desiderio di mangiare, anche se quest'ultimo post-influenza mi ha regalato la consapevolezza del non riuscire più a nutrirmi di zucchero. Forse sto crescendo o forse no ma tentare l'overdose di cioccolata di colpo è precipitata verso il basso nella scala delle peculiarità. Non sazia, a lungo andare dà la nausea e fa ingrassare. Sono ancora dentro il nido materno per cui la maggior parte delle volte cucina mia madre e di mangiare il più possibile sano diventa spesso un duello con il cibo veloce, ma almeno di 'mangiare pulito', questo lo trovo fattibile.
La mia copia di Wintergirls giace da quasi un anno sul comodino, un espediente perchè la forza di volontà di Lia mi arrivi per osmosi, ma pur soddisfatta della sua funzionalità avrei bisogno di leggere altri libri a tema. Non intendo divenire anoressica o bulimica proprio no, ma se leggerne mi aiuta a mantenere il peso e a non utilizzare di nuovo il cibo per colmare i vuoti (in proposito il mio vecchio post Noia? QUI) non vedo perchè non tentare.
Chiedo allora a voi se avete questi titoli in ebook o in cartaceo è indifferente, o se ne avete altri da consigliarmi. So ad esempio che la protagonista de La solitudine dei numeri primi è anoressica...
Cerco:

Piccola di Geneviève Brisac ✓
Sprecata di Marya Hornbacher ✓
Ho deciso di non mangiare più di Justine ✓
Briciole. Storia di un'anoressia di Alessandra Arachi ✓
ValeANA di Martita Fardin
Taglia trentotto. Bulimia, amore e rabbia di Stefania Longo
Alla fine di un lungo inverno. Come l'amore mi ha liberata dalla prigione dell'anoressia di Emma Woolf ✓

[EDIT: si aggiungono]
Mangia che ti passa. Diario di una ragazza in lotta contro l'anoressia di Aurora Bruni
Alfabeto dello stomaco (e del cuore). Ti racconto l'anoressia di Alice Keller ✓
L'infinito in un boccone di Paola Balzarro
Mangiando al chiaro di luna. Come le donne possono trasformare il loro rapporto con il cibo di Anita Johnston
Il corpo giusto di Eve Ensler
Il diavolo veste la 40. La storia semiseria di un'ossessione personale di Valerie Frankel ✓
Una fame da morire di Gianna Schelotto
Dinky Hocker è sola di M.E. Kerr ✓
Questo non è il mio corpo di Moyoco Anno
Fame di Allen Zadoff

Vogliate perdonare il post frivolo... e a presto!

15 commenti:

  1. ValeANA personalmente te lo sconsiglio proprio.. io amo i libri che trattano di anoressia (Wintergirls è uno dei miei libri preferiti), ma ValeANA è stata una lettura terribilmente vuota e sconclusionata.. se lo trovi in ebook magari dagli un'occhiata, ma non comprarlo, non ne vale proprio la pena.
    Purtroppo non ne ho altri da consigliarti, tutti quelli che conosco li hai già citati, ma se dovessero venirmi in mente dei titoli ti farò sapere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wintergirls è anche per me uno dei libri preferiti, e cerco proprio libri sulla stessa linea non saggi o trattati per capire l'argomento.
      Mi fido allora del tuo consiglio e depenno ValeANA :)

      Elimina
  2. "Sprecata" è bellissimo, l'ho letto qualche anno fa e te lo consiglio, insieme al libro (non ricordo il titolo) di Isabelle Caro.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme a Piccola, Sprecata è quello tra tutti che vorrei leggere di più! Ma ancora non c'è stato verso di trovarlo :(
      Metto in lista quello di Isabelle Caro, che se non ricordo male si intitola La ragazza che non voleva crescere.
      Grazie ^^

      Elimina
    2. Trovato oggi al mercatino per € 5 (contro i 15 di copertina) e ho subito deciso che sarebbe tornato a casa con me.
      Lo leggerò nel corso del prossimo anno ;)

      Elimina
  3. Noi ricordiamo "Un corpo di donna" di Giusi Quarenghi!
    Un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
  4. Ciao, ti ho vista solo ora tra gli iscritti al mio blog e con curiosità sono passata a leggere nel tuo mondo.
    Pur amando molto la letteratura e la magrezza non ho letto nessuno dei libri da te cercati. Mi sono sempre tenuta lontana dai libri in cui si parla dell'anoressia in modo esplicito, in cui la magrezza assume forme patologiche da cui salvarsi.
    Per il mio compleanno ho ricevuto in regalo Il cacciatore di anoressiche, avevo visto il film Primo amore di Garrone ed ho voluto approfondire leggendo il libro da cui il regista ha tratto ispirazione. Si tratta di una storia vera, il libro non scritto da uno scrittore ma da un uomo alla ricerca di aiuto. Il film è stupendo, io mi rivedo nel protagonista maschile. E' interessante anche il libro, al di là dell'architettura linguistica.
    Posto la recensione che scrissi su anobi sul blog, così se ne hai voglia scopri qualcosa in più.
    La ragazza di La solitudine dei numeri primi ha problemi alimentari, ma non si scava su questo aspetto. Il ragazzo è invece autolesionista, un'unione perfetta.

    RispondiElimina
  5. Mi sono appena ricordata di un altro libro, Il digiuno dell'anima di Pierluigi Panza.
    Se ti interessa ed hai una lista di libri scambiabili dimmi pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, passo subito da te. Sono interessata e ho una lista infinita di scambiabili in ebook se va bene, se non ti dispiace ti aggiungo su aNobii.
      Grazie ancora!

      Elimina
  6. se mi viene qualcosa in mente ti faccio sapere ^_^

    RispondiElimina
  7. Io devo leggere: Volevo essere una farfalla di Michela Marzano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho rinunciato, non è quello che cerco, troppo dispersivo.
      Va a gusti, come tutto :)

      Elimina
  8. Rowan, (Ombre Angeliche) ma tu giri i blog, forum a sconsigliare il mio libro? :))))) Mi sa che sei un po' ossessiva figliola. Io sono capitata qua per caso. Ho pensato a una qualsiasi lettrice, poi il lnk mi ha ricondotta a te. Il tempo passa, ripigliati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha ommioddio Martita, quanto tempo! Ciao anche te, neh? No, a dire il vero seguo da tanto tempo il blog di Lumi e leggo quotidianamente i suoi post, è stata proprio una coincidenza che tu mi abbia ritrovata proprio qui. Non ti preoccupare, ho di meglio da fare che andare in giro a sconsigliare libri, ma se mi capita di sentirne parlare, come in questo caso, trovo sempre giusto dire la mia. Però se ti interessa giusto oggi ho inserito il tuo libro nella Top Ten dei libri che ho stroncato :D
      Ripigliarmi da cosa? Dal buonsenso o dalla sincerità? Sai, se a distanza di 2 anni ancora ci tengo a sconsigliare il tuo libro, un motivo ci sarà :)

      Elimina