sabato 12 luglio 2014

Colpa delle stelle Tag

Buon sabato, come state? Mi sono resa conto che non ero così ossessionata da qualcosa/qualcuno dai tempi delle Spice Girls. In poco meno di ventiquattro ore ho concluso la lettura di Teorema Catherine, mi sono procurata il nuovo numero di Ciak per via di un certo servizio (QUI una foto) e ordinato il cd della colonna sonora di The Fault in Our Stars, che arriverà tra qualche giorno direttamente dall'Olanda. Ora DEVO trovare una soluzione per vedere il film entro settembre, l'attesa è a dir poco snervante.
Tutto questo allegro fangirleggio mi ha portata su youtube e alla scoperta del The Fault in Our Stars Tag, sicuramente concepito per chi freme di impazienza. In uno di questi video c'era la lista di domande e ho deciso di tradurle, per cui se farete il tag vi chiedo solo la cortesia di citarmi. Ecco allora sbarcare anche in Italia il Colpa delle stelle Tag.


1. Come sei venuta/o a conoscenza del libro?
Se ben ricordo il primo contatto con Colpa delle stelle l'ho avuto tramite un giveaway che permetteva di vincerne una copia. Potevo partecipare ma non amo tentare la fortuna tanto per portarmi qualcosa a casa, quando partecipo sono realmente interessata a leggere quel libro. Invece, oltre ad ignorarne l'esistenza, la frase da bacio perugina che troneggiava in copertina lo rendeva un sacco libercolo per adolescenti in calore. Seriamente, avevo bisogno di un romanzo del genere? Poi sono arrivate recensioni entusiaste su vari blog che seguo ed infine il gruppo di lettura che mi ha convinta a leggerlo perchè non sarei stata sola e il timore di non riuscire a leggerlo era elevato. Il cancro non è un gioco per i grandi, figurarsi per i più giovani.

2. Qual è la tua parte preferita del libro?
La cena ad Amsterdam e la vendetta di Isaac che si diletta come può nel tirare uova contro l'auto della sua ex.

3. Qual è la tua citazione preferita dal libro? (No spoiler)
Una?! L'intero libro è una citazione, mentre leggevo era impossibile non fare almeno un segno ogni due pagine, l'avessi letto subito in cartaceo strariperebbe di sottolineature. Comunque, la frase più immediata che custodisco nel cuore ripensando al libro è "Il mondo non è una fabbrica esaudimento desideri". Ne ho già esclusa qualcuna, ma queste proprio non posso:

● «Allora, raccontami di te» mi ha detto, sedendosi accanto a me a distanza di sicurezza.
«Ti ho già raccontato di me. Mi hanno diagnosticato…»
«No, non del tuo cancro. Di te. Interessi, hobby, passioni, feticci strani, e via dicendo.»
«Mmm» ho detto.
«Non dirmi che sei una di quelle persone che diventano la loro malattia. Conosco tanta gente di quel tipo. È sconfortante. Come se il cancro fosse la cosa che conta. La cosa che conta più delle persone. Ma certo tu non hai lasciato che vincesse prematuramente lui, giusto?»

● Sono una... una... una granata, mamma. Sono una granata e a un certo punto esploderò e vorrei minimizzare le vittime.

● È andato su Assolutamente Gratis, un sito dove ci si può sbarazzare delle cose, e insieme abbiamo scritto un annuncio. [...]
Alla fine è venuto così:

Altalena Disperatamente Sola
Cerca Casa Amorevole

Altalena decisamente usata ma strutturalmente solida cerca una nuova casa. Donate al vostro bambino/a ricordi, così che lui o lei un giorno guardando il giardino sul retro provi il dolore che ho provato io oggi pomeriggio. Tutto è fragile ed effimero, caro lettore, ma con questa altalena il tuo bambino/a sarà introdotto agli alti e bassi della vita umana in modo delicato e sicuro, e potrà forse imparare la lezione più importante di tutte: non conta quanto forte ci si spinge, non conta quanto in alto si sale, non si potrà mai fare tutto il giro.
L'altalena al momento si trova tra l'83esima e Spring Mill.

● I miei pensieri sono stelle che non riesco a far convergere in costellazioni.

4. Pensi che il film sarà all'altezza del libro?
L'autore è stato presente sul set, difendendo persino Nat Wolff che, interpretando il ruolo di Isaac, differisce completamente dalla descrizione contenuta nel libro. Hanno mantenuto cose insulse come il colore dell'auto di Monica o dell'intimo non perfetto di Hazel, insomma han tenuto in considerazione l'opera di John Green e le sue opinioni per cui sono molto ottimista.

5. Quale canzone ti ricorda della storia? (NON una canzone della colonna sonora)
Questa domanda mi ha mandata in crisi, non sono capace a fare di queste associazioni specie con la musica che ascolto di solito. Fortuna però che una volta ogni tanto ascolto gli H.I.M., padri di un genere da loro stessi definito 'love metal', i cui testi parlano prevalentemente di amore e morte. Non sarà indovinata a livelli di sonorità, ma per quanto riguarda il testo sento di esserci riuscita. Ecco In joy and sorrow:


Oh ragazza, siamo uguali
Siamo giovani così perduti e spaventati
Non c'è cura per il dolore
Né riparo dalla pioggia
Tutte le nostre preghiere sembrano fallire

Nella gioia e nel dolore la mia casa è tra le tue braccia
In un mondo così oscuro
Il mio cuore si sta spezzando
Nella gioia e nel dolore la mia casa è tra le tue braccia
In un mondo così oscuro
Mi sta spezzando il cuore

Oh ragazza, siamo uguali
Siamo forti e benedetti e così coraggiosi
Con le anime che devono essere salvate
E la fede riconquistata
Tutte le nostre lacrime asciugate

Nella gioia e nel dolore la mia casa è tra le tue braccia
In un mondo così oscuro
Il mio cuore si sta spezzando
Nella gioia e nel dolore la mia casa è tra le tue braccia
In un mondo così oscuro
Mi sta spezzando il cuore

Nella gioia e nel dolore la mia casa è tra le tue braccia
In un mondo così oscuro
Il mio cuore si sta spezzando
Nella gioia e nel dolore la mia casa è tra le tue braccia
In un mondo così oscuro
Mi sta spezzando il cuore

(Nella gioia e nel dolore) 
La mia casa è tra le tue braccia
(In un mondo così oscuro)
E il mio cuore si sta spezzando
(Nella gioia e nel dolore)
La mia casa è tra le tue braccia
(In un mondo così oscuro) 
Mi sta spezzando il cuore

6. In che modo ti ha colpito la storia?
In questo libro l'ombra della falce è sempre presente ma insieme c'è anche tantissima vita. È un po' ironico che sia la morte ad insegnare a vivere ma è proprio questo che succede. Hazel, Augustus e Isaac sono tre ragazzi che affrontano la sciagura che gli è capitata aggrappandosi con le unghie al tempo che rimane loro, trovando in ogni giorno un motivo per andare avanti. Mi hanno insegnato a non lamentarmi del mio quotidiano, sono sana come un pesce e passo il tempo piangendomi addosso. Dopo una lettura come Colpa delle stelle non si pensa più di essere 'vittime' della routine.

8 commenti:

  1. ma no, è fantastico questo tag *-* proprio oggi ne ho fatto un altro >.< credo che ormai se ne parli la prossima settimana..ma devo assolutamente farlo!!
    E' vero, l'intero libro è una citazione! A me piace tantissimo la dichiarazione di Augustus e quando Hazel dice " A volte leggi un libro che ti riempie di uno strano zelo evangelico.." *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena lo fai passo a leggerti ^^
      Ho lasciato quelle che più mi sono rimaste nel cuore, ma ce ne sarebbero state molte altre.

      Elimina
  2. Non ho ancora letto questo libro :( ma lo farò prestissimo perchè non posso più aspettare *___* bellissimo il tag! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai aspettando che esca il film? xD
      Leggilo, è un ordine u.ù :)

      Elimina
  3. Un Tag a tema *---* cioè è fantastico! !! :D

    RispondiElimina
  4. Bello questo tag a tema, sei stata bravissima a parlare del libro e mi hai incuriosita a compararlo!
    Disgrazia, aspetto la tua mail!!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. Ehi, anche tu conosci gli HIM!!! Credevo di essere una delle poche ad averli ascoltati, ascoltati, ascoltati per ore quando ero al liceo, mi piacevano un sacco!! (Anche se non sono mai stata "dark" o cose simili). Hai ragione comunque, tutto il libro è una citazione... anche a me è piaciuta molto la ricorrente "il mondo non è un ufficio di esaudimento desideri"... purtroppo, è così vera. Ma è altrettanto vero che, se non si ha a che fare con malattie incurabili, si può ben sorridere alla vita anche quando non tutto va per il verso giusto! ;-)

    RispondiElimina
  6. Ancora non ho letto il libro, ma dopo che lo farò ripasserò a prelevare questo tag, molto carino!!
    Uh gli Him!! Quando andavo al liceo mi piacevano un sacco (specie Villie Valo ehehe), tanto che Join me in Death era la canzone che ci dedicavamo col mio innamorato di allora <3 (mmm sì, felici e positivi noi...!!)

    RispondiElimina