lunedì 1 settembre 2014

Monthly Recap #12: Agosto (e un pensiero su Colpa delle stelle)

Bentornata Monthly Recap, unica ma affezionata rubrica del blog che in un unico post riepiloga la mesata appena trascorsa. Nell'ultimo intervento ho interpretato il ruolo della finta tonta, scrivendo che mancava pochissimo all'uscita di Colpa delle stelle nelle sale... non fosse che già da due giorni avevo i biglietti per l'anteprima!


Siete arrabbiati? I più attenti di voi rammenteranno che dissi che dovevo trovare una soluzione per vedere il film entro settembre, avendo rinunciato all'idea dello streaming doppiamente sottotitolato italiano-spagnolo. L'attesa ha ripagato e ho prenotato il mio biglietto ad occhi chiusi (e sorriso da ebete).
Il grande giorno poi un inimmaginabile terrore di creare un nuovo oceano fatto delle mie lacrime ed insieme una gioia infinita. In cuor mio sapevo che se la locandina rimandava a Titanic prima e a I segreti di Brokeback Mountain dopo non sarei stata delusa. Mai vista gente uscire dalla sala piangendo, io molto commossa e oggi sono di ritorno da una notte quasi del tutto insonne. Alle 4 di mattina appuntavo questa mini recensione sul mio cellulare, non chiedetemene il motivo (roba da fangirl suppongo):

Ne è valsa la pena vedere Colpa delle stelle anche solo con quattro giorni di anticipo rispetto alla data di uscita nazionale. Ho letto il libro lo scorso novembre, non avrei né potuto né voluto aspettare oltre.
Certo han tagliato la bellezza di sei scene (l'altalena pedofila, Jackie e il cammeo di John Green, gran parte del decadimento di Gus) e la storia si concentra maggiormente sul sentimento d'amore che unisce i due protagonisti, ma i dialoghi sono piuttosto fedeli alla carta e chi non ha letto il libro può godersi ogni scena senza esserne troppo penalizzato.
Sicuramente avessi avuto meno anni dei miei 27 sarei rimasta travolta dalla visione, ma assicuro che ritrovarsi per la seconda volta orfani di Augustus Waters è destabilizzante per chiunque.
Naturalmente è inferiore rispetto al libro, più completo e riflessivo, ma quanti lo hanno amato non saranno delusi dal più fedele adattamento in circolazione degli ultimi tempi.

In buona sostanza, ecco Lumi uscita dalla sala:

Butterfree dei Pokémon

Ci sarebbe altro da dire in proposito ma mi piacerebbe poterne parlare in un post interamente dedicato a lui, se siete d'accordo. Ora vi lascio alla meno interessante Monthly Recap.

Recensioni
Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) di Chiara Parenti
Will ti presento Will di John Green & David Levithan

Tag
The Ice Cream Book Tag

Altri post
Ritratto
The Very Inspiring Blogger Award
John Green che ama ripetersi

Giveaway
0

-Un mese di libri-

Letti
Mio fratello Simple di Marie-Aude Murial
Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) di Chiara Parenti
Will ti presento Will di John Green & David Levithan
Il lottatore di sumo che non diventava grosso di Eric-Emmanuel Schmitt
Città di carta di John Green
Storia di Quirina, di una talpa e di un orto di montagna di Ernesto Ferrero
Dracula di Bram Stoker {in corso}

Acquisti/in regalo/in prestito
Pochi inutili nascondigli di Giorgio Faletti
Memorie di una geisha di Arthur Golden
Mio fratello Simple di Marie-Aude Murial
Gatto sano (e felice) con i rimedi naturali di Claire Nahmad
Il libro dei coniglietti suicidi di Andy Riley

In wishlist
Venti mesi di Renzo Segre
L'ospite di Stephenie Meyer ✓

Miglior lettura



Spazio note
Dovrei creare un banner ma sono un'impedita cronica. Per il resto mi pare nulla da segnalare. Buon mese a tutti! Siete andati anche voi all'anteprima o contate di andare al cinema dal 4 in avanti?

2 commenti:

  1. Non è giusto, volevo vederlo anch'io in anteprima ma non sono potuta andare. Sai, compleanno, il mio più grande nemico =_=
    E niente, sono stata paziente fino ad ora, aspetterò un altro po'!

    RispondiElimina
  2. Ciao bella, scusami se non ho ritirato il premio ma non c'ero fisicamente... ti ringrazio lo stesso e aspetto, sia mai che tu ce la faccia, una tua accidenti di mail così mi parli bene anche del film!
    Io sono reduce da un bellissimo, e ti giuro che vale la pena di leggerlo, romanzo storico: Augustus di John E. Williams.
    Un capolavoro, specie per la tecnica usata nello scriverlo!
    Bacissimi

    RispondiElimina