giovedì 20 novembre 2014

Recensione: Con un poco di zucchero di Chiara Parenti

Titolo: Con un poco di zucchero
Autore: Chiara Parenti
Editore: Rizzoli
Anno di pubblicazione: 2014
Genere: Romanzo breve, Romance
Pagine: 124
Prezzo: € 2,49 (ebook)
A trent'anni suonati Matteo Gallo, aspirante scrittore senza soldi e senza speranze, è costretto a vivere con la sorella Beatrice e "loro", Rachele e Gabriele, i due scatenatissimi nipotini. Nessuna delle tate finora ingaggiate è riuscita a domarli. Ma ecco che, come per magia, un pomeriggio di fine settembre, un forte vento che spazza le nubi dal cielo porta tata Katie.
Beatrice e i suoi bambini restano subito incantati da questa ragazza inglese un po' stravagante e scombinata, che fa yoga, mangia verdure, va pazza per i dolci... e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l'amaro della vita. Matteo invece cercherà (o crederà) di sottrarsi al suo influsso: ma sarà tutto inutile, perché Katie compirà su di lui la magia più grande. Quella dell'amore.

Recensione: Mentre leggevo mi accorgevo sempre più che sotto le spoglie di Katie Baker si celava in realtà Chiara Parenti. Mi auguro solo che i suoi gorgheggi non siano letali per i pettirossi ma per il resto passa ai test! Certo, in un primo momento anche al più innocuo dei confessori verrebbe voglia di strozzarla ma poi la sua luce finisce inevitabilmente per irradiare qualunque cosa entri a contatto con lei. Prima di romance, Con un poco di zucchero è un libro veramente dolce, con protagonista una giovane donna reduce da un passato doloroso che le ha lasciato qualche strascico come il non volerne sapere di imparare ad andare in bicicletta ma anche una grande lezione: imparare a vivere nel presente, come fanno i bambini.
Complice un io narrante interamente maschile, la Parenti supera la prima prova estiva e riconferma il suo talento. Anzi a parer mio dovrebbe mantenere sempre questo stile. Matteo Gallo è talmente credibile nei suoi pensieri e atteggiamenti oltre al campionario di sfighe che non sembrano torturarlo più di tanto che viene da credere che alla penna ci sia un uomo in carne ed ossa. Non fosse stato per il colorato patchwork di personaggi cinematografici e televisivi citati ogni tre per due lo si sarebbe creduto davvero. Alcuni sono molto divertenti (Hobbit ad indicare i nipoti è strepitoso oltre che azzeccato!), ma i continui accenni rendono la lettura a volte poco fluida. E okay che ho assistito con orrore a uomini seduti a guardare Beautiful, ma mi piacerebbe tanto pensare che ci sia un limite a tutto.
A Chiara si riesce a perdonare anche il suo amore (che rasenta l'ossessione in più punti) per il piccolo e grande schermo donandoci in cambio sorrisi a trentadue denti e cuori che se potessero ballerebbero festosi. Ogni sua storia è un antidoto alla tristezza e al brutto tempo, capaci in un paio d'ore scarse che servono ad essere lette di riparare giornate storte e anime stanche. Sono il sale ops lo zucchero filato che occorre in casi del genere. Senza contare che la nostra è toscana (lucchese per la precisione) e, si sa, ha l'ottimismo nel sangue. Potrebbe anche scrivere di guerre atomiche e sedie elettriche e saprebbe trovarci comunque un lato comico su cui ridere. Lo trovate sbagliato? Può darsi, ma ogni sorriso o risata non saranno mai atti a ridicolizzare una situazione seria e drammatica ma piuttosto a saperne scorgere tutte le sfumature con ironia e intelligenza.
Con un poco di zucchero non cambia il mondo ma il cuore sì.

Ed ecco Chiara, ho sollevato una piccola critica da piallare e, ironia della sorte, guarda come fin dall'inizio mi sono immaginata tata Katie:

Lo spirito del Natale presente Carol Kane in S.O.S. fantasmi

Grazie della magia e alla prossima!

3 commenti:

  1. Ultimamente ne sento parlare molto nei blog e devo dire che pian piano sta iniziando ad ispirarmi!

    RispondiElimina
  2. Ciao! So che avevo detto che sarei stata assente per un pò ma alla fine ho ceduto.... e infatti vorrei invitarti ad un BlogTour con ben 5 premi in palio.
    Se passerai, ti ringrazio! ^^
    http://emozionidiunamusa.blogspot.it/2014/11/il-volo-della-falena.html

    RispondiElimina