lunedì 19 gennaio 2015

Piccola di Geneviève Brisac

Alla fine sono divenuta feticista anche delle traduzioni. A partire dal titolo, che per me rimarrà Piccola, non Petite. Sì perchè dovete sapere che il vostro Petite è un libro di vent'anni fa, pubblicato dalle Edizioni EL nel 1995 e che due anni dopo vinse il "Premio Collecorvino" alla collana Frontiere, di cui Piccola faceva parte. Per poi finire nella lunga lista dei titoli 'non più reperibili'.
Il prezzo di listino per Piccola è di € 6,71, da domani Petite sarà venduto alla 'modica' cifra di € 15,00. Tale e quale ad una novità, vi rendete conto?
La scorsa settimana, elettrizzata dal fatto che il tanto sospirato Piccola cercato per più di un anno venisse finalmente ristampato, ho persino scritto alla Piemme, che si è occupata della ristampa, per riceverne una copia. Sia su Facebook che su Twitter, ma nessuna risposta. Ora, dopo giorni di preghiere perchè fosse stata mantenuta la traduzione del 1995, sono fin contenta che non mi abbiano risposto: perseguirò a scovare la mia copia di Piccola. Amen.
La collana Frontiere prometteva la stampa di libri atti a "varcare definitivamente la frontiera con l'età adulta". La nuova traduzione lascia assai a desiderare questo proposito, riducendolo a libro per ragazzini senza alcun valore. Ecco per intenderci i due differenti incipit. Il primo è di Petite, il secondo di Piccola.

"Non avrò mai più fame, mi dissi. Erano le sette di sera e avevo fame.
Sul carrello della cucina, contro il muro, la torta di noci appariva stupenda. La cucina era in ombra, la glassa di cioccolato luccicava. Una ruota nera cosparsa di noci aperte perfettamente a metà, bianche, senza macchie di cioccolato. Le dissi addio per sempre. Avevo tredici anni e avevo smesso di crescere."


"Non avrò mai più fame, mi dissi. Erano le sette di sera e avevo fame.
Sul carrello in cucina, contro la parete, la torta di noci luccicava. La cucina era in ombra, la glassa al cioccolato brillava. Una ruota nera tempestata di gherigli perfetti, bianchi, senza la minima sbavatura di cioccolato. Le dissi addio per sempre.
Avevo tredici anni, e avevo finito di crescere."

Fonti:
http://versolaperfezioneedoltre.blogspot.it/2013/01/piccola-genevieve-brisac.html
http://www.vanityfair.it/show/libri/15/01/19/genevieve-brisac-petite-piu-piazza-meno-masterchef

3 commenti:

  1. ho letto di 'petite'su grazia...non pensavo minimamente fosse un libro già uscito...

    grazie per l'informazione!

    RispondiElimina