mercoledì 11 febbraio 2015

Qual è l'amore più forte?

Ciao a tutti! San Valentino (o come usiamo dire in casa da parecchi anni: lavandino!) si avvicina e cosa c'è di meglio che accompagnarlo con la lettura di un buon romanzo d'amore? Se ce ne fossero!
Dopo aver scartato la puntata della rubrica Cover Details dedicata ai cuori, ho sì trovato un libro con un cuore sulla copertina, ma sicuramente più appetitoso dei vari Harmony propinatici dalle edicole o dei fratelli minori di "Cinquanta sfumature" che tanto van di moda. Permettetemi di dire che palle!
Ed ecco cosa è rispuntato dal mio ebook: 50/50 Killer di Steve Mosby, dapprima pubblicato dall'editore Nord nel 2007 all'incredibile(!) prezzo di € 18,60, poi in edizione tascabile dalla Tea a € 8,90 nel 2009. Perchè vi sto presentando il seguente libro? Perchè sono d'accordo riguardo il pensiero di Mosby quando gli è toccato scegliere tra la vita e la fidanzata. Diciamo talmente spesso cose come 'Ti amo più della mia stessa vita', 'Sei tutta la mia vita' o 'Non posso vivere senza di te' che non ci rendiamo neppure conto di quel che abbiamo appena pronunciato. Si confonde la vita con un sentimento, bello e tutto quanto, che però a volte non vale il corso di un'esistenza.

"Ti amo più della mia stessa vita": tanti innamorati hanno pronunciato queste parole, nell'impeto della passione. Ma quelli che si trovano davvero in circostanze tali da dover scegliere tra la propria sopravvivenza e quella del partner, come si comportano? 
L'inglese Steve Mosby, trentenne di Leeds con una laurea in filosofia e la vocazione dello scrittore, è partito da un'esperienza personale per sviluppare questo inquietante romanzo, 50/50 Killer, il terzo che ha scritto, il primo tradotto in Italia. 
Anni fa, in vacanza in Italia con la sua ragazza, mentre nuotavano sono stati trascinati al largo dalla corrente, e solo dopo drammatici sforzi sono riusciti a salvarsi. Lui, pur nuotando meno bene di lei, è approdato a riva per primo, e vedendo la compagna  in difficoltà ha dovuto affrontare un terribile conflitto emotivo: rituffarsi per cercare di aiutarla, col rischio di annegare a sua volta, o aspettare che se la cavasse da sola? Tutto è finito bene, fortunatamente, ma la tensione vissuta gli ha suggerito l'idea di un thriller in cui un assassino rapisse delle coppie per mettere i partners l'uno contro l'altra, offrendo la sopravvivenza soltanto a uno dei due. 
Quante torture, fisiche e psicologiche, ci sarebbero volute perché l'amore fosse cancellato e l'istinto di conservazione prevalesse?
(Fonte)

Titolo: 50/50 Killer
Autore: Steve Mosby
Editore: Tea
Anno di pubblicazione: 2007
Genere: Thriller, Giallo
Pagine: 383
Prezzo: € 8,90
Lo chiamano il 50/50 Killer perché non sceglie chi uccidere. Lascia che sia la vittima a farlo. E non colpisce mai un unico individuo, ma una coppia. Chiede a uno se è disposto a morire per salvare la vita dell'altro. Poi tortura l'uno e l'altro, provando a fargli "cambiare idea". Lui vuole soprattutto distruggere una cosa, una cosa senza la quale, dicono, non si può comunque vivere... John Mercer è un poliziotto eccezionale. Ma l'omicidio di un collega che, come lui, si occupava del 50/50 Killer lo ha portato sull'orlo della follia. Adesso è tornato al lavoro: prima o poi, ne è convinto, la sua strada incrocerà di nuovo quella dell'assassino che ha abitato nella sua mente per ben due anni. E il ritrovamento di un cadavere torturato e sfigurato, e soprattutto di un'inequivocabile firma, una ragnatela tracciata sul muro, è per lui una conferma: il 50/50 Killer è di nuovo in azione. In più, un'altra coppia è appena scomparsa... Mark Nelson è stato scelto per entrare nella squadra di John Mercer. È giovane, al suo primo giorno di lavoro, eppure sa cosa significa lottare contro un fantasma interiore che influenza ogni pensiero, ogni azione. Quindi è l'unico che può capire sino in fondo la determinazione di Mercer a catturare il 50/50 Killer. Ma è sulla strada giusta oppure è caduto vittima di un tragico abbaglio? Tre uomini in gioco. Due giorni di tempo. E un'unica domanda: sareste davvero pronti a sacrificare la vostra vita per salvare la persona che amate?
La mia risposta per ora è: credo che sarà il prossimo libro che leggerò. Nel frattempo non auguro nulla a nessuno perchè l'amore va celebrato anche nei 364 giorni restanti ed è molto più di fiori e cioccolatini.

6 commenti:

  1. Che bello, San Valentino sta arrivando #uccidetemi :D
    non è tanto la festa a darmi fastidio, ma piuttosto tutto quel rosso\rosa e cuori ovunque ._. o il fatto di farsi il regalo. Come se bisogna aspettare S. Valentino per fare un regalo all'amata\o =_=
    Cambiando discorso, questo libro non lo conoscevo e mi incuriosisce davvero tantissimo *_* sarebbe una lettura molto romantica per sabato xD

    RispondiElimina
  2. Uhh, nemmeno io lo conoscevo, ma mi ispira!

    RispondiElimina
  3. Mi ispira!!! Non lo conoscevo...

    RispondiElimina
  4. Ahahahaha! Un post sul #sanlavandino x°D vorrei addormentarmi il 13 notte e svegliarmi il 15 pomeriggio..!!! Va be dai un libro romantico per quel giorno ci sta, credo!

    RispondiElimina
  5. Perché leggere un Harmony per San Valentino quando si può optare per un thriller! Quando si dice festeggiare in modo alternativo! :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Credo di aver visto questo libro qualche tempo fa nel blog di Siannalyn, e già lo bramavo!! L'occasione per leggerlo è perfetta, spero di procurarmelo al più presto *.*

    RispondiElimina