mercoledì 25 marzo 2015

"I libri sono soltanto un mucchio di spazzatura. Non servono a niente."

Capitano dei pompieri: Montag, Montag! C'è una cosa che devi vedere! Andiamo, presto! Guarda che spettacolo! Ah Montag, lo sapevo, lo sapevo! Sai, tutto questo, l'esistenza di una biblioteca segreta era nota nelle alte sfere, ma non c'era modo di arrivarci. Soltanto una volta in vita mia avevo visto tanti libri in un posto solo. Allora ero un semplice pompiere, non ero ancora autorizzato a usare il lanciafiamme. Sono tutti nostri, Montag. Stammi a sentire, Montag: a tutti noi, una volta nella carriera, viene la curiosità di sapere cosa c'è in questi libri. Ci viene come una specie di smania, vero? Beh, dai retta a me, Montag: non c'è niente lì! I libri non hanno niente da dire! Guarda, queste sono opere di fantasia e parlano di gente che non è mai esistita. I pazzi che li leggono diventano insoddisfatti, cominciano a desiderare di vivere in modi diversi. Il che non è mai possibile. [...] Vieni qui, Montag. Tutta questa filosofia: liberiamocene! È anche peggio dei romanzi. Pensatori, filosofi... dicono tutti esattamente la stessa cosa... Soltanto io ho ragione, gli altri sono tutti imbecilli. In un secolo ti dicono che il destino dell'uomo è prestabilito; il secolo dopo, invece, ti dicono che ha libertà di scelta. È soltanto una questione di moda la filosofia. È come le gonne corte quest'anno, le gonne lunghe l'anno prossimo. Guarda, tutte storie di morti, biografie si chiamano, autobiografie: la mia vita, il mio diario, le mie memorie, le mie memorie... intime. Ma loro hanno cominciato solo... beh, per l'impulso di scrivere. Poi, hanno continuato solo per soddisfare la loro vanità, distinguersi dalla massa, essere diversi, poter guardare gli altri dall'alto in basso. Ah, premio dei critici. Questa è buona. Evidentemente aveva i critici dalla sua: uomo fortunato, eh? Lascia che ti dica una cosa, Montag: così, a occhio, quanti premi letterari diresti che venissero conferiti ogni anno in questo Paese? Cinque, dieci, quaranta? Nientemeno che mille e duecento. Chiunque mettesse un po' di nero sul bianco, finiva per vincere qualche premio, prima o poi. Ah, Robinson Crusoe. Ai negri non piaceva per via del servo, Venerdì. E Nietzsche... Nietzsche, questo non piaceva agli ebrei. Eccone uno sul cancro del polmone. Vedi, tutti i fumatori si spaventavano a morte e quindi, per la tranquillità di tutti, noi li bruciamo. Ah ah, questo qui dev'essere molto profondo: l'Etica di Aristotele. Naturalmente chiunque lo legga deve credere di essere superiore a chi non lo ha letto e... questo non è bene, Montag. Noi dobbiamo essere tutti uguali. L'unico modo per essere felici è di sentirci tutti uguali. Quindi, noi, dobbiamo bruciarli, Montag, fino all'ultimo.


Il dialogo che avete letto è tratto dalla trasposizione cinematografica di Fahrenheit 451, distribuito nelle sale nel 1966 per la regia di François Truffaut.
La riflessione che vorrei portare alla luce oggi è questa. Mia madre non legge romanzi, non c'è da meravigliarsi quindi se ho scoperto la lettura relativamente tardi rispetto ai grandi lettori (anzi è bene che sia riuscita a scoprirla!). Quel che lei non sopporta è il mio trovarmi di continuo in libreria a rifarmi gli occhi, acquistare volumi già letti in ebook e il semplice atto dell'acquisto. È arrivata a chiedermi se li compro perchè sto facendo una gara a chi ne ha di più (ma con chi?) e in realtà non mi interessano. COSA?!?!
Non sto a dilungarmi ulteriormente su ciò che crede e quante me ne sono sentite dire, ma l'ultima mi ha dato un po' da pensare. In tre parole: io leggo merda.
Tutto nasce dalla sua mania di fotocopiare ogni passaggio che reputa interessante dai testi che legge per poi passarceli. Le due pagine di oggi provenivano da Sei nato ricco. Una guida appassionante per ottenere successo e prosperità di Bob Proctor. Mi sono osata contraddirla dicendole che per oggi il libro da leggere lo avevo e che le fotocopie le avrei lette in un secondo momento. Da lì una discussione portando come esempio del mio leggere merda Lui è tornato, perchè l'ho regalato a un mio amico per Natale non perchè si sia messa a sfogliarlo. Fosse mai! Il bello è che tra di noi c'è dialogo, capita di toccare questo o quell'argomento e inevitabilmente di consigliare un libro in cui viene trattato, almeno da parte mia. Le propongo Sei come sei della Mazzucco dove c'è una bimba con due papà (argomento era adozione per i gay), e non vuole leggerlo. E io dovrei stare a sentire santoni che raccontano le esperienze dei propri pazienti, dove hanno sbagliato e come si sono corretti, perchè suddette esperienze possono aiutarmi a non commettere gli stessi errori? E dire che se l'uomo matura è grazie ai propri errori, cosa può trarre da quelli di un altro?
Comunque sia, la sua libreria si assomiglia un po' tutta: titoli simili che vanno a ripescare sempre i soliti due-tre argomenti (serenità, felicità, ricchezza, positività), copertina dove non è raffigurato nulla se non titolo e autore. Sul serio mi viene dura non condividere lo stesso pensiero per quanto riguarda le sue letture. Mi domando come faccia a raccapezzarsi quando deve comprare un libro e il più delle volte esce a mani vuote perchè non ricorda quale ha letto, e soprattutto se a quasi 52 anni ha ancora effettivamente bisogno di letture del genere. Io ritengo di no, che sia cresciuta a sufficienza. Però per favore, non etichettare con termini spregiativi tutto quello che ha permesso a me di crescere e rendermi la persona che sono!
Con affetto.

"Il lunedì bruciamo Lucrezio, il martedì Molière, mercoledì Machiavelli, giovedì Goldoni, venerdì Voltaire, il sabato Sartre e la domenica Dante."
(Guy Montag)

3 commenti:

  1. La lettura, qualsiasi lettura, è un atto che merita rispetto. Il libro di Bradbury, portato al cinema da Truffaut, ci fa capire quanto siano importanti i libri per attivare il cervello ed essere un po' più liberi.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo il pezzo che hai messo. A casa mia non legge nessuno tranne mia madre che ogni tanto, quando ha tempo, legge qualche libro. A volte però capita che anche lei mi giudica, soprattutto perché leggo fantasy -_-

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post ^_^ Mi sono iscritta come lettore fisso, se hai voglia di ricambiare il link è:
    http://lalibreriadiluce.blogspot.it/
    Grazie se lo farai ^_^

    RispondiElimina