martedì 15 novembre 2016

Quattro idee per Babbo Natale che non sa mai cosa portarmi in dono


È Natale, è Natale! Par presto per parlarne ma non lo è. Lo ben sanno le case editrici che in un momento propizio per le vendite come la Natività sfornano tutte insieme titoli da aggiungere alla mai troppo lunga lista dei desideri. Come ignorare le loro tentazioni nella mera illusione di smerciarci il regalo indimenticabile per gli anni a venire? Ed ecco qui, altre quattro uscite fresche di stampa (l'ultima anzi ancora in gestazione) che mi preparo psicologicamente ad accogliere nella mia libreria oramai stracarica... beh io incrocio le dita!

Titolo: Tossici. L'arma segreta del Reich. La droga nella Germania nazista
Autore: Norman Ohler
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 20 ottobre 2016
Genere: Saggio, Storico
Pagine: 382
Prezzo: € 22,00
Il 31 ottobre 1937, gli stabilimenti Temmler registrarono all'Ufficio brevetti di Berlino la prima metilanfetamina tedesca. Nome commerciale: Pervitin. La nuova versione dei farmaci "rivitalizzanti" si diffuse in maniera capillare nella società dell'epoca. "L'eccitante esplose come una bomba, dilagò come un virus e iniziò ad andare a ruba, diventando ben presto normale quanto bere una tazza di caffè." Lo prendevano studenti e professionisti per combattere lo stress, centraliniste e infermiere per star sveglie durante il turno di notte, chi svolgeva pesanti lavori fisici per superare la fatica; e lo stesso valeva per i membri del partito e delle SS. Nel 1939, grazie a Otto Ranke, fisiologo della Wehrmacht, il farmaco prende piede in ambito militare. Anche Mussolini – il paziente "D" – fu tenuto sotto stretta sorveglianza dai medici nazisti. Testato durante l'invasione della Polonia, viene distribuito ai soldati delle divisioni corazzate di Guderian e Rommel in procinto di attraversare le Ardenne e inventare il Blitzkrieg, quando la velocità dei mezzi e la capacità di resistenza degli uomini diventano un fattore decisivo. Basato sulle ricerche dell'autore negli archivi tedeschi, che conservano anche le carte del medico personale di Hitler, questo libro è il primo tentativo di indagare il legame tra la struttura del regime nazista e l'uso delle droghe per plasmare e rinforzare la società tedesca.
Perchè lo voglio: Guardate QUESTO documentario e vorrete saperne di più anche voi. Lo bramo da quando è uscito in patria, titolo (traduzione dell'originale: La totale euforia) e copertina scelti purtroppo lasciano un po' a desiderare ma se è il prezzo da pagare per leggerlo nella propria lingua, che sia

Titolo: Conan il barbaro
Autore: Robert E. Howard
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 31 ottobre 2016
Genere: Fantasy
Pagine: 738
Prezzo: € 25,00
Nella remota era Hyboriana, in un'epoca di forze oscure e minacciose, vive Conan; è un mercenario rozzo e violento, ma anche un uomo dotato di lealtà e coraggio, il più riuscito rappresentante del "fantasy eroico".
Perchè lo voglio: Non lo considero uno dei miei film preferiti ma se capita lo guardo sempre volentieri. È fatto molto bene sia a livello di recitazione, impatto visivo e musiche. Questo volume raccoglie per la prima volta tutte le storie più un romanzo dell'epopea di Conan in ordine cronologico di pubblicazione, indi finalmente non sono costretta a leggere un fumetto e l'edizione è curata e rilegata, cosa che gradisco mucho bien(?). E scusate ho barato, è già in mio possesso da qualche giorno, è scontato del 25% (vale a dire lo pagate 18,75 invece che 25) sia nelle librerie fisiche che online fino al 27 novembre, se vi aggrada approfittatene subito!

Titolo: Un dono speciale di nome Bob
Autore: James Bowen
Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 8 novembre 2016
Genere: Romanzo, Autobiografia
Pagine: 210
Prezzo: € 17,90
È passato ormai qualche anno dal giorno in cui James ha trovato, nell'ingresso del suo alloggio a Londra, un gatto rosso, randagio e ferito: Bob. Per James, musicista di strada, quell'incontro ha segnato una svolta. Occuparsi di Bob gli ha dato infatti la forza e la motivazione di cui aveva bisogno per buttarsi alle spalle i problemi di droga e alcol e ricominciare da zero. Le giornate trascorse insieme per le vie di Londra si sono rivelate una piacevole e inaspettata sorpresa. Non solo perché la strada è sempre un'incredibile maestra di vita. Ma soprattutto perché Bob è il gatto più intelligente e intraprendente che James abbia mai incontrato e gli insegnamenti più importanti li deve proprio a lui. Giorno dopo giorno, è come se Bob gli indicasse la direzione giusta, dandogli una ragione per vivere, per sorridere. E forza e affetto nei momenti più difficili. Anche adesso che la loro vita assomiglia a un sogno, Bob non smette di regalargli straordinarie lezioni di vita. I due protagonisti di "A spasso con Bob" tornano a raccontarsi tra queste pagine, un libro intenso e magico come la vita, per riscoprire la gioia delle piccole cose e il vero significato del Natale.
Perchè lo voglio: Mi pare sia chiaro il mio affetto per questa coppia affiatatissima (vedi QUI e QUI), è vero che questo terzo titolo è finalmente giunto in Italia per il solo fatto che è uscito il film ma mi manca, mi mancano loro due e ce li ho tutti rilegati *.* (foto)

Titolo: I 100 migliori dischi black metal
Autore: Stefano Cerati, Roberto D'Errico, Barbara Francone
Editore: Edizioni BMS
Data di pubblicazione: 10 dicembre 2016
Genere: Saggio, Musicale
Pagine: -
Prezzo: € 10,00
Il black metal ha avuto una rilevanza tale nella storia del rock che è anche difficile considerarlo solo un sottogenere del metal. Ha una dignità propria e caratteristiche etiche e attitudinali che lo staccano nettamente da qualsiasi altra forma di musica estrema, anche se i primi semi sono germogliati dal metal classico degli anni '80, dal thrash, ma anche dall'ala più estrema del punk.
Il movimento in sé è importante e unico per due fondamentali motivi: è stato l'unico fenomeno rock di una certa rilevanza mondiale che non sia stato originato in una terra anglofona, Regno Unito, USA o Australia. Inoltre è stato il genere che ha portato i confini dell'estremismo e della sperimentazione talmente in là da non potere ipotizzare di poter spostare l'asticella più in alto.
Nonostante il black metal sia nato, germogliato e proliferato soprattutto in Scandinavia, i suoi semi malefici si sono sparsi in tutto il mondo, in Germania, Francia, in Italia, nell'Europa dell'Est ed hanno attecchito anche in Paesi insospettabili come il Giappone. Discorso a parte bisogna fare per gli Stati Uniti che nella fase di esposizione acuta del fenomeno sono stati piuttosto defilati per poi esplodere a livello di interesse e di numero di band con una nuova ondata che infatti è stata denominata USBM, United States Black Metal.
Oggi il black metal è ancora una delle scene più vitali del metal proprio perché i musicisti del genere hanno mantenuto un'attitudine radicale verso la sperimentazione, un coraggio e un'innovazione che non si ritrovano in altri generi più cristallizzati ed omogeneizzati. Ed è questa onestà artistica di fondo, unita ad una personalità di frontiera piuttosto anticonformista che ha permesso al black metal di resistere per trent'anni e di essersi guadagnato il rispetto e l'ammirazione di una folta legione di fan che va ben al di là del semplice gusto musicale.
Sicuramente non è una musica per tutti, così è sempre stato e così dovrebbe sempre essere.
Perchè lo voglio: Perchè si è sempre parlato della cronaca oscurando completamente o quasi il lato musicale del fenomeno, e sono curiosa di vedere quali secondo i tre signori compilatori dell'opera (tra cui una donna, non sono sessista ma non è un genere che ha molta presa sul pubblico femminile. Quindi tu sei un uomo. No! Sì! No! Sì! No!) sono i cento fondamentali del genere

Bene, questi sono i quattro titoli aggiuntisi recentemente alla mia lista di libri da possedere assolutamente in cartaceo (vi rimando al post QUI) e che sarei felice di trovare sotto l'albero al posto delle classiche mutande e profumi che non utilizzerò. Le mutande magari sì ma ne ho pieni i cassetti. E le palle... di Natale.
Quando arrivano le feste sono attorniata da gente che va nel pallone e mi regala di queste cianfrusaglie come se avessi quattordici anni per l'eternità. Di certo non li indirizzerò a questo post, ma farò capire loro che sono divenuta più esigente (ogni anno se lo dimenticano).
E voi cosa intendete chiedere a Babbo Natale? A presto!

2 commenti:

  1. Mi hai ricordato che da qualche parte dovrei avere i libri su Conan (anche fumetti): ma non so perché non mi attira la loro lettura mentre concordo sulla qualità dei film (il remake mai visto)
    Un saluto da LeleManu 🌹 🤗
    (ogni tanto ci vuole: non si può entrare ed uscire sempre come un cafone... guardone ma educato 😬)

    RispondiElimina
  2. Dovrei fare un post così anch'io e linkarlo a tutti xD

    RispondiElimina