martedì 22 novembre 2016

Tag: Identikit del lettore

Ciao a tutti! C'è una cinerecensione in cantiere ma questa volta stilarla è più ardua del previsto perchè essendo di una storia che amo molto non vorrei risultare banale o poco convincente. Il film è tuttora nei cinema e va visto assolutamente, secondo me avete capito di quale si tratta e ce la metterò tutta per poterlo proporre come post successivo.
Questo di oggi è senza timore di nasconderlo un tappabuchi, un semplice tag che come mio solito tenevo in bozza da un annetto circa, visto la prima volta mi pare su un blog di Wordpress ma dirvi quale però non saprei più. Può sembrare buffo sentito da me ma anch'io non amo lasciare il blog come si suol dire 'vuoto', anche se con il presente i post da leggere sono 242. Ma fa sempre piacere sapere che il/la proprietario/a sta bene, no?
Quindi conoscetemi meglio se ne avete voglia con l'"identikit del lettore":

Tre libri che ami
La collina dei conigli di Richard Adams. Non ho più parole per esprimere quanto abbia amato questo romanzo e il mio buon intento nel consigliarlo a tutti a prescindere ma mai nessuno che mi ascolti, per cui perchè perdere altro tempo? Leggetelo e basta! Prima che mandi Freddy ad uccidervi nel sonno

Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino di Christiane F. Mai considerati i libri sulla droga prima dell'incontro con questo e conseguente visione del film. Ora i testi con questa tematica sono i miei favoriti, ancor meglio se scritti in maniera pulita ed esaustiva come in tal caso

Colpa delle stelle di John Green. Semplicemente ha cambiato il mio modo di vedere l'insieme, la gratitudine dell'essere qui in buona salute e il tempo che mi è concesso con una persona/in un luogo incantevoli. Devo vivere al meglio, cosa che non faccio poi così spesso. Riprenderei le stesse parole che usai nel Colpa delle stelle Tag: "In questo libro l'ombra della falce è sempre presente ma insieme c'è anche tantissima vita. È un po' ironico che sia la morte ad insegnare a vivere ma è proprio questo che succede. Hazel, Augustus e Isaac sono tre ragazzi che affrontano la sciagura che gli è capitata aggrappandosi con le unghie al tempo che rimane loro, trovando in ogni giorno un motivo per andare avanti. Mi hanno insegnato a non lamentarmi del mio quotidiano, sono sana come un pesce e passo il tempo piangendomi addosso. Dopo una lettura come Colpa delle stelle non si pensa più di essere 'vittime' della routine."

Tre libri che odi
Noi siamo grandi come la vita di Ava Dellaira. Desiderato per una fraccata di tempo, l'ho nascosto e gli darò fuoco non appena lo ritroverò U.U non vorrei che un giorno i miei figli lo trovino e pensino "Che cazzo leggeva nostra madre?". Motivi di tanto odio, QUI

Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry. Sì sì lo so, è un classico eccetera ma io non lo posso soffrire, lo trovo sopravvalutatissimo e in più il principino mi sta sulle palle talmente è antipatico. A mia discolpa dico che probabilmente l'ho letto al limite dell'età per apprezzarlo, ossia a ventisette anni. E per fortuna in ebook perchè non sarebbe rimasto a lungo dentro casa

Se solo fosse vero di Marc Levy. Mi domando dove i lettori traggano la forza per amare Levy, ogni volta mi capita il nome dell'autore sotto gli occhi mi ritrovo a patire per loro. Leggerlo è stata veramente una tortura. Guardate il film se volete sopravvivere per raccontarlo ma mai MAI leggere questo libro! Recensione QUI

Gli ultimi tre libri aggiunti alla wishlist
Ex drummer di Herman Brusselmans. Visto il film eoni fa, non avevo la minima idea fosse tratto da un libro fino ad ottobre. Ora la curiosità c'è, spero di poterla colmare presto

Dissertazione sopra i vampiri di Giuseppe Davanzati. No dico, pensereste mai che anche Twitter possa contribuire ad allungare le vostre wishlist? Certo che no! Grazie @LeleManu ti voglio bene 😋

Ricette per la felicità. Antologia leopardiana per il piacere e per vivere meglio di Giacomo Leopardi. E beh, Giacomo! Giacomo come forse non l'avete mai visto se avete snobbato lo splendido ritratto che ne è stato fatto ne Il giovane favoloso (recensione QUI). Devo averlo

Tre libri aggiunti da tanto alla tua wishlist
The heroin diaries. Un anno nella vita di una rockstar allo sbando di Nikki Sixx, Ian Gittins. Qui c'è veramente da spararsi un colpo perchè l'ho aggiunto in wishlist più o meno all'epoca della sua pubblicazione, nel lontano 2010. Dapprima il motivo principale che mi occludeva l'acquisto era il prezzo di copertina (€ 22 per una non ammiratrice dei Mötley Crüe non esiste), poi il fatto che non è mai disponibile online, l'ebook naturalmente non è stato prodotto se non in lingua... riuscirà la nostra eroina (ahahah) a leggere questo libro?

Un urlo rosso sangue di Marilee Strong. Non sono sei anni ma è comunque tanto tempo, ho un file pdf non esattamente leggibile perchè originato da fotocopie. Confido in un miracolo per recuperarlo ad una cifra inferiore a € 35 e possibilmente immacolato. Del resto se è sbucato fuori Gli interessi in comune (sborsando solo € 7) c'è speranza per tutto

Pinocchio 2112 di Silvio Donà. L'ispirazione non è mai diminuita, complice non esserci in versione ebook sarei tentata di acquistarlo ma ciò equivarrebbe ad uscire dalla comfort zone. Fantascienza, e se dovesse non piacermi? Che indecisione!

I tuoi generi preferiti
Tendo a non lasciarmi condizionare leggendo di tutto, sono interessata alle storie vere (non necessariamente biografie, anzi!) e ai romanzi per ragazzi con una predilezione per il genere young adult. Molto spesso sono meglio di quelli per adulti, più scorrevoli e trascinano il lettore alla riflessione. Mi piacciono i libri che prendono in esame tematiche difficili come droga, depressione, autolesionismo, suicidio e tutti quelli trattanti i disturbi alimentari

I generi che apprezzi di meno
Giallo, fantasy e romance in genere, l'ultimo nato chick lit, gli Harmony e i cosiddetti porno da leggere che istigano al suicidio l'intera letteratura. Cioè non che il genere erotico sia una novità (vedi Venere in pelliccia o Tropico del Cancro), ciò che mi fa ribrezzo sono le puttanate (scusate ma qua bisogna scriverlo) che propinano come alternative e rivoluzionarie, con uomini sempre bellissimi, arrapatissimi e soprattutto ricchissimi, e donne squallide ma vogliose e che non hanno mai il ciclo mestruale nel momento clou. Poi le descrizioni degli amplessi sono fenomenali, ribaltamenti di letti, lenzuola strappate, lei che viene SEMPRE, lui che non ha MAI bisogno della pillola completando il tutto con erezioni vistose pur avendo superato gli anta da diversi anni. NO, NO e NO! Possono anche essere ilari ma 1) come si fa a credere che certi uomini e certe situazioni 'perfette' esistano davvero?, e 2) come è possibile la presenza sulla Terra di donne aventi bisogno di simili espedienti per godere e sognare? Si può godere e sognare benissimo anche senza spazzatura, a cominciare dalla scelta dei libri che, nel caso suddetto, non rientrano assolutamente nella buona letteratura. Ci avranno mandati a scuola per avere una cultura o per restare capre?

Quanti libri leggi per volta?
Uno solo, per assaporare la storia in ogni suo particolare. Non che non abbia provato a leggerne due ma mi trovo meglio così, non ho fretta di terminarlo per riporlo e passare subito all'altro e poi già ho poco tempo per leggerne uno. Solitamente leggo la sera a letto prima di addormentarmi, di giorno ho sempre qualche faccenda da sbrigare (e se non ce l'ho me la creo navigando su internet, chiacchierando al telefono, andando a passeggiare) per cui il tempo da dedicare alla lettura non è così ampio come si supporrebbe

Il tag si conclude qui, non taggo nessuno per permettere ad ognuno di voi di rispondere liberamente alle domande. Però vi incito a farlo, in particolare per scoprire se abbiamo gusti in comune e prendere spunto per nuove letture!
A presto!

5 commenti:

  1. Bellissimo tag! Sono d'accordo su "La Collina Dei Conigli", è un libro meraviglioso! In completo disaccordo per "Il Piccolo Prncipe" che ritengo invece una favola da leggere a qualsiasi età e che può sempre insegnare qualcosa di profondo.
    Buona giornata!
    xoxo Connor

    RispondiElimina
  2. Che bel tag, Lumi!! Ti perdono per Il piccolo Principe, io me ne innamorai a 15-16 anni, pur avendolo letto già da bambina ed accantonato, mi sono rivista nella volpe e da lì tutto il libro ha acquisito un senso specialissimo!!
    Anche a me piacciono gli argomenti forti e le tematiche scomode. Ora mi è venuto in mente un libro che potrebbe piacerti, In un milione di piccoli pezzi di James Frey, lo conosci?
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo conosco sì ma quando ho letto che la storia non era del tutto vera il mio interesse è un po' calato. Non so quanti anni saranno che ho l'ebook, me lo consigli comunque? Grazie ♥

      Elimina
  3. Avevo letto tempo fa ma non avevo lasciato nessun commento: lo faccio ora.

    Sei un tesoro...
    Chissà che Babbo Natale non ti faccia trovare "La dissertazione sui vampiri"...
    Ti voglio bene anch'io.
    👋 👋 Emanuele

    RispondiElimina
  4. Ciao
    io adoro i libri che parlano di animali in particolare cani. Mi piace anche il fantasy, leggo un po' tutto.

    RispondiElimina