giovedì 28 settembre 2017

24/09/2012 - Il nostro quinquennale

Arrivati ai cinque anni di vita matrimoniale, le coppie sposate celebrano le Nozze di Legno: il rapporto creatosi tra due sposi nell'arco di un quinquennio è sicuramente un legame più consolidato e sicuro, che entrambi sentiranno l'esigenza di festeggiare in ottemperanza alle usanze previste per l'occasione.

Cosa significano
La ricorrenza in questione è stata, non a caso, ribattezzata col nome di Nozze di Legno: il legno è, infatti, un materiale resistente e duraturo, che ben simboleggia perciò il passaggio dall'essere considerati una coppia "fresca" di matrimonio al costituire una coppia di coniugi veri e propri. La stabilità e la forza acquisite nel corso di cinque anni sono a tutti gli effetti delle conquiste straordinarie: come poter mai sottrarsi al festeggiarle?
(Fonte)

Ciao a tutti, non sono -ancora- completamente impazzita ma anche stavolta il mio essere originale ha prevalso sul buonsenso. Io mi sento davvero come all'interno di un matrimonio nei confronti di codesto blog. Alterno fasi di amore, sopportazione, pentimento ed incitamento. Sono la signora Pina che dice al marito che "lo stima moltissimo"... anzi no, (e qui svelo finalmente la mia vulnerabilità alias anch'io di tanto in tanto guardo qualche serie tv ma a differenza vostra non perdo la vita dietro Netflix e balle varie ad attendere i nuovi episodi. Quanto scrivi quando ti ci metti eh?)... io e il mio blog siamo Carrie e Big. Ci prendiamo, ci lasciamo, ci riprendiamo, anche con il mondo e le sue avversità contro (v. post prima di questo) e le tante piccole, tenere dimostrazioni di affetto ed amicizia che la blogosfera sa ancora tutto sommato donarci. Per fare un esempio: io non ho Facebook indi se si sta organizzando un gruppo di lettura e voglio parteciparvi dove ci si raduna per includere anche me nel dialogo? Molto semplice, mi si esclude! (purtroppo è successo). Ma se chi se ne occupa ha realmente interesse del tuo parere, di leggere insieme quel determinato libro e desidera che tu sia una parte attiva e non ti senta un peso/morta nel gestire un blog poco considerato, sa trovare altri mezzi e conduce alla perfezione il gioco fino al termine. Ecco, l'interazione è una -se non LA- delle componenti che possono portare un diario a tagliare un traguardo al giorno d'oggi importante e forse anche invidiabile. Come detto l'anno passato Sentieri di neve rossa è il blog più longevo della mia carriera, non avevo programmato né la sua durata né il fatto di essere ancora in grado di far parte di una comunità che, seppur non contando su centinaia o migliaia di membri, sta in piedi da sola, è viva. Ed è una cosa magnifica per chi come me ha vissuto il crollo dei blog con l'avvento di Facebook il maledetto: pagine aggiornate con frequenza che si sono spente d'improvviso a causa sua, ed io insieme a pochi altri a combattere per non lasciar morire le nostre memorie e ricordi. Chi non c'era non può capire appieno quanto tutto ciò sia gratificante e bello.
Quindi sì, anche a costo di ripetermi, se il blog dopo la bellezza di CINQUE (5) lunghi anni permette ancora questo e molto altro, il merito principalmente è vostro!

Nozze di legno, festeggiamo nel bosco!

Come tradizione vuole, i numeri con la new entry dei social, oramai fondamentali per la vita serena di un blog:

  • incluso questo fanno 254 post pubblicati
  • 176010 visite al momento in cui scrivo
  • 211 tra lettori ed iscritti a questo blog
  • 43 seguaci su Bloglovin
  • 1584 commenti ai miei post
e

E l'Italia vince traducendo in: Mi piace!

7 commenti:

  1. Cinque anni sono abbastanza eh! Ma spero ce ne saranno ancora tanti altri!! <3 Auguroni a te e al tuo maritino! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque ti ho taggata in questo premio, spero ti faccia piacere!
      Ecco il link: http://ikadreaming.blogspot.it/2017/11/blogger-recognition-award.html

      Elimina
    2. Ma figurati Ika, non devi nemmeno dirlo, passo subito a ritirarlo :3 :*

      Elimina
  2. Sono felice che alla fine sia riuscita a scrivere questo post!
    I momenti "no" con i blog penso che li abbiamo tutti (io l'anno scorso volevo chiuderlo, adesso ho tantissimi progetti che mi passano per la mente ..anche se non sono sicura di realizzarli xD), ma è vero, una volta passato tutto questo tempo non puoi fare a meno che pensare che in un certo senso sia immortale! Speriamo sia così davvero!
    Auguri :D

    RispondiElimina
  3. Questo post avrei potuto scriverlo io.
    E pensa che io del mio blog sono anche gelosa! Ed ho detto tutto! :D
    ti seguo volentieri :)

    RispondiElimina
  4. Più che facebook io attribuisco la colpa a Twitter. Facebook è il social più frivolo, dove trovi di tutto e di più, ed in genere anche mezza parentela, invece Twitter lo usa fetta più ristretta della popolazione. In genere si tratta di quella fetta che usava blogger. Conosci almeno un paio di persone che prima scrivevano sul loro blog (ed io amavo leggerli!) averli totalmente abbandonati del tutto. Certo, anch'io ho twitter (anche se lo uso poco) ma vuoi mettere un post scritto con solo 140 caratteri ad uno dove puoi allegare foto, video e il cazzo che ti pare?!
    Anch'io l'ho un pò abbandonato ma semplicemente perchè, come ha scritto un 'amica, prima era una casa piena di amici adesso siamo rimasti davvero in pochi.
    Che tristezza... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io parlo degli albori di Facebook in Italia, nel 2009, quando esplose la moda e se non eri iscritto eri out.
      Quanti lettori che aggiornavano il blog frequentemente me li son ritrovati amici su Facebook, a riempire quella pagina sterile con i risultati dei quiz e a lasciare che il loro diario facesse le ragnatele. Tanto cosa ci guadagnavano a scrivere ancora lì se con Facebook riunivano amici, parenti, gente di tutti i giorni..?
      Fidati che non è stato Twitter a portare via la gente dalla blogosfera ma l''evento' Facebook: è una cosa che tragicamente ricordo molto bene...
      Benvenuta su queste pagine!

      Elimina